logo

perché
Antonio Causa
Giamminelli
Carannante
Isabettini
Crisci
Esposito
Gigante
cartoline
storia
meteo
Pozzuoli oggi
pozzuoli oggi

Perché?

Un modo inusuale di presentarsi, diverso dal solito "chi siamo", in quanto ritengo sia più importante spiegare il perché di questo ennesimo sito. Anche con le fotografie, con la pittura, con le arti figurative in genere si racconta la storia di una città, i suoi mutamenti, la sua cultura. Ho pensato perciò di mettere insieme il materiale fotografico di mio padre, Antonio Causa, prodotto agli inizi del secolo scorso, che offre un’idea suggestiva di com’era il centro storico di Pozzuoli a quei tempi, attingendo anche alla raccolta di fotografie più o meno dello stesso periodo dell’amico Franco Carannante dello Studio fotografico "Numero Uno"; una raccolta di quadri del Maestro Antonio Isabettini che raccontano del Rione Terra così com’era prima che fosse interamente sgomberato a causa del bradisisma il 2 marzo del 1970, ed una serie di cartoline che, partendo dalle terme di Agnano, ci trasportano in un viaggio virtuale fino a Lucrino.

Per l'approfondimento di quest'ultimo percorso è doveroso il rinvio al pregevole lavoro del prof. Raffaele Giamminelli:

"Immagine dei Campi Flegrei"
fra Ottocento e Novecento
nella collezione di Michele Iaccarino - ed. Dick Peerson S.p.A. , Napoli, 1987


Tra l'altro ritengo che i quarantenni di oggi nulla sanno del Rione Terra, di che cosa ha rappresentato per la nostra città in termini di umanità, di cultura popolare, di folklore e, se un giorno finalmente potranno rivisitarlo al termine del suo recupero, che appare come un eterno impegno di "facciata" senz’anima e senza futuro, lo troveranno vuoto dell’umanità che lo sosteneva, perché oramai da lassù sono stati sgomberati anche i fantasmi.

Questo è un sito senza pretese, artigianale ed è aperto a tutti coloro che intendono arricchirlo  e migliorarlo. Ringrazio gli amici, che offrendomi il materiale in loro possesso, hanno già collaborato, ringrazio ciascun visitatore e quanti tra loro vorranno offrire il proprio prezioso contributo.

Sergio Causa