logo

perché
Antonio Causa
Giamminelli
Carannante
Isabettini
Crisci
Esposito
Gigante
cartoline
storia
meteo
Pozzuoli oggi
pozzuoli oggi



Antonio Causa

Antonio Causa nasce a Pozzuoli il 23 marzo del 1897 e vi conclude la sua esistenza il 25 aprile del 1962.
E’ il quinto dei sette figli di Procolo Causa ed Emilia Miele.
Il padre, noto commerciante, è titolare di un negozio di coloniali al Corso Vittorio Emanuele II, ubicato nei locali attualmente adibiti a sportello del Banco di Napoli.
Fin da adolescente è amorevolmente seguito dallo zio paterno, il canonico Nicola Causa il quale, tra l’altro, lo asseconda nella sua passione per la fotografia, guidandolo nelle prime esperienze facendogli riprendere dapprima i familiari, le cui immagini costituiscono una raccolta a parte non inserita in questa pubblicazione e, successivamente, gli scorci intorno alla sua abitazione in Via Maria Puteolana.

A.Causa
ing. Antonio Causa
le fotografie
il borgo
le cerimonie
i ritratti

Appreso con successo l’uso della macchina fotografica, all’epoca certamente complesso, partecipa a vari concorsi fotografici, banditi in genere dai quotidiani di quel tempo, vincendo in più occasioni il primo premio.
E’ chiamato alle armi il 6 ottobre 1916.
Si laurea in ingegneria industriale nell’anno accademico 1922 – 1923 presso il Politecnico di Napoli.
E’ anche impegnato nell’ingegneria civile ed in questo campo, tra le realizzazioni di maggior rilievo, vanno ricordate la progettazione della facciata, unitamente all’ing. Federico Sabino, del palazzo comunale in Via Marconi, la realizzazione della chiesa del Sacro Cuore ai Gerolomini, delle palazzine cosiddette “dei Mutilati” al Piazzale della Vittoria, il restauro del prospetto del complesso S. Marta in Piazza Capomazza e la sua ristrutturazione per civili abitazioni ed attività commerciali
Durante l’ultimo conflitto mondiale è richiamato come Capitano di complemento del Genio Aeronautico ed assegnato alla base di Alghero (SS), dove si occupa del recupero e del reimpiego degli aerei da guerra danneggiati in combattimento
.